prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

venerdì, 21 luglio 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Cronaca

Montale, fiamme anche di notte

lunedì, 17 luglio 2017, 15:37

di Filippo Palazzoni

Continuano a bruciare i boschi sopra Fognano. Elicotteri solcano il cielo sopra Montale a intervalli regolari scaricando acqua sulle fiamme e il fumo bianco che si alza dalle colline pistoiesi è ancora ben visibile, anche dall'autostrada. È il vento il nemico più temibile per vigili del fuoco, protezione civile e abitanti del posto. L'incendio prosegue tra la collina di Santomato e la fiancata che poi sale all'Acquerino. 

Ci sono due nuclei grandi che bruciano con fiamme alte, e poi altri piccoli focolai. Prosegue incessante anche il lavoro dei veicoli di soccorso che si inerpicano lungo i sentieri.

Lo avevano detto i vigili del fuoco del comando di Pistoia che le ore pomeridiane sarebbero state decisive per capire se l'incendio che sta devastando i boschi sopra Montale avrebbe potuto effettivamente essere considerato in via di spegnimento. Ebbene, i loro timori erano fondati, perché dalle 15 alle 17 le fiamme hanno ripreso vigore.

Nonostante i continui carichi d'acqua rovesciati dagli elicotteri sulle aree interessate dal rogo, la collina è tornata a "fumare": sospinto dal vento, il fuoco si è alzato di nuovo e a questo punto sarà necessario un altro intervento dei Canadair per tentare di "raffreddare" la situazione. Il fronte molto ampio dell'incendio, che arrivati a questo punto comprende diversi focolai sparsi per tutta la collina, e le condizioni atmosferiche sfavorevoli non permettono ai pompieri di sbrogliare la matassa. E intanto ettari su ettari di area verde continuano a bruciare...

"Il rischio che il vento possa alimentare altri focolai e che l'incendio si sposti verso ovest nei boschi sopra Santomato c'è - fanno sapere dall'unità mobile del comando dei vigili del fuoco di Pistoia stanziata sul posto - Il problema di più difficile risoluzione rimane quello di raggiungere i focolai, situati in zone impervie e inaccessibili. L'intervento di squadre a terra aiuterebbe molto ma per una questione anche di sicurezza degli operatori si preferisce agire per via aerea. Al momento già 90 persone fra volontari e vigili del fuoco stanno perimetrando la zona".

Il rischio di un coinvolgimento dei centri abitati rimane secondo i vigili del fuoco alquanto remoto, intanto però ieri sera cinque famiglie residenti in un piccolo nucleo di sei case in località Santa Cristina, poco lontano dal paese di Fognano, sono state allontanate e hanno dovuto trovare per la notte una sistemazione alternativa: "Verso le 19.30 la protezione civile ci ha chiamato dicendoci di abbandonare la casa per questa notte - racconta uno di loro - Io insieme alla mia famiglia e ai miei due cani mi sono trasferito a casa di mio fratello a Montemurlo. Ci avevano detto che in 24 ore saremmo potuti rientrare nella nostra abitazione ma ancora non ho avuto segnalazioni a riguardo. Aspettiamo ma a questo punto un po' di preoccupazione c'è, soprattutto per questo vento che continua a soffiare: speriamo di poter tornare a casa entro stasera, ma ci devono essere le condizioni. Altrimenti è meglio stare fuori finché l'incendio non sarà completamente domato".

Non ci sono ancora dati precisi sulla superficie bruciata dal rogo, si parla di decine di ettari di bosco andati in cenere in poco meno di 24 ore

Foto Antonio Tortorella


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Cronaca


prenota spazio


giovedì, 20 luglio 2017, 15:20

Scuole Frosini, criticità di tipo statico e sismico. L’assessore: «In passato hanno speso soldi su opere non prioritarie»

Negli scorsi giorni l’assessore all’edilizia scolastica Alessandra Frosini ha incontrato i dirigenti degli istituti comprensivi di Pistoia per trovare una soluzione in tempi rapidissimi sulla scuola primaria “Attilio Frosini” di via Cavallerizza. Le indagini sull’edificio scolastico, svolte nel 2015 e 2016, con completamento alla fine del 2016, e con modellazione...


giovedì, 20 luglio 2017, 13:58

Cibi crudi in tavola, ma senza rischi per la salute: nel 2016 149 casi di tossinfezione alimentare

Nel 2016 sono stati segnalati all'AUSL Toscana Centro dai medici ospedalieri e di famiglia 149 casi di malattia trasmessa da alimenti (dati forniti dal Centro di Riferimento Regionale sulle Tossinfezioni Alimentari Ce.R.R.T.A. coordinato dalla dottoressa Costanza Pierozzi)


prenota spazio


giovedì, 20 luglio 2017, 12:25

Leonardo e Bianca sono i nomi più diffusi tra i nati nel 2016

A Pistoia è Andrea il nome più diffuso tra gli uomini, mentre Francesca lo è tra le donne. Per i nuovi nati i nomi più gettonati sono Leonardo e Bianca. Ad occuparsi di tali rilevazioni è l'ufficio comunale di statistica.


giovedì, 20 luglio 2017, 11:02

Dirigenti del Prato indagati: alteravano risultati, favorendo l'ingresso di giovani migranti africani

Sono parecchie le province toscane toccate dall'indagine della polizia di Prato sulla violazione delle norme connesse alle pratiche di tesseramento e all'alterazione dei risultati di alcune partite nel calcio dilettantistico regionale e, fra queste, c'è anche Pistoia


prenota spazio


mercoledì, 19 luglio 2017, 12:40

Il primo indagato per la morte della piccola Linda è di Pistoia

C'è un primo indagato nella vicenda legata all'incidente sulla bretella autostradale Viareggio-Lucca nel quale ha perso la vita la piccola Linda, ed è un pistoiese. Il pubblico ministero Piero Capizzoto ha infatti messo nel mirino il 35enne di Pistoia che era alla guida della Reanault Kangoo piombata addosso alla Mini con a...


martedì, 18 luglio 2017, 23:03

Cristo si è fermato da Multicons

Questione Nespolo: prima di Pistoia nella stessa situazione Empoli, Vinci e Castelfiorentino. Multicons, la società responsabile dei 24 migranti in arrivo al Nespolo, ha non pochi precedenti in quanto a gestione contestata dell'accoglienza


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio