Spazio disponibilie
   Anno X
Venerdì 2 Dicembre 2022
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Andrea Pedri
Barga
30 Settembre 2022

Visite: 897

Che Vincenzo Pardini, nato e cresciuto nel borgo garfagnino di Fabbriche di Vergemoli, sia uno dei più rispettati scrittori di narrativa contemporanea in Italia è ormai cosa nota, ma un altro conto è poter assistere ad una delle sue rarissime presentazioni, sporadiche come la sua voglia di mettersi sotto i riflettori.

Se Pardini esce allo scoperto è sempre un grande evento, e l’occasione buona è avvenuta nel pomeriggio di oggi, alle 17:30, presso la splendida cornice della sede della Fondazione Ricci a Barga.

Motivo? La presentazione del suo ultimo libro, in realtà già uscito nel 2021, “L’Accecatore”: un’opera tenuta nel cassetto per anni e proposta al grande pubblico solo pochi mesi fa. La conferenza si è tenuta all’interno della più vasta rassegna degli “Itinerari Letterari a Barga”, che ospita scrittori e saggisti presso Villa Ricci con vari appuntamenti che occupano tutta l’estate e termineranno proprio domani, con la presentazione di “Storie dell’altro millennio” di Giovanna Pellegrini.

Tornando ad oggi, ad affiancare Pardini, oltre alla presidentessa della fondazione Cristiana Ricci, ci hanno pensato i professori e scrittori Paolo Giannotti e Alessandro Raffi, arrivati da Massa per l’occasione. Entrambi, attraverso i rispettivi ruoli, più presentatore Giannotti, più lettore il secondo, hanno saputo intrattenere il numeroso pubblico raccontando, spiegando ed evocando le atmosfere de L’Accecatore: un racconto cupo, che nonostante sia stato scritto quasi dieci anni fa, riporta alla memoria le paranoie collettive e gli atteggiamenti ferini di molti essere umani e media durante il punto più nero del periodo pandemico.

“Vincenzo – racconta Giannotti – è riuscito nel corso dei decenni ad affrontare più generi e tematiche: dalle ambientazioni western ai romanzi storici fino alla narrativa d’avventura. Eppure, con quest’ultimo libro è riuscito a superare sé stesso, a stupire ancora. È un’opera visionaria, dai toni rivelatori e persino apocalittici. In poche parole, Pardini è riuscito con una sensibilità e, allo stesso tempo, una durezza unica, a raccontarci un possibile, o probabile, percorso della nostra società. È quasi come se avesse il dono di vedere, o sentire, gli eventi che devono ancora arrivare: un qualcosa di metafisico, che riallaccia Vincenzo ad altri grandi della letteratura, come Jack London e Maupassant. Attraverso un’atmosfera cupa riesce a scandagliare l’animo umano, e mettere sul piedistallo le fragilità dell’individuo e le sue relazioni col mondo e con gli altri”.

Ma di cosa parla “L’Accecatore”? Ci troviamo in un paese imprecisato tra boschi e montagne, che tanto ricorda la Garfagnana, ed è qui che viene rinvenuto il corpo di un postino con gli occhi strappati: sembra un caso isolato, ma le vittime senza bulbi inizieranno ad aumentare, e i comportamenti delle persone per “difendersi”, e la loro paura, si espanderanno a macchia d’olio fino a raggiungere ogni parte del globo, e diventando premonizione per una prossima catastrofe.

Un racconto di terrore, dunque, imperniato di paura ed eventi catastrofici: una distopia, come piace chiamarla oggi, in cui, come sottolineato da Raffi, ciò che risalta è il comportamento schizofrenico dei nostri simili.

“L’Accecatore ha una miriade di piani di lettura e significato – spiega Raffi – ma se dovessimo descriverlo in breve potremmo dire che ci troviamo davanti ad un compendio sulla fenomenologia dell’accecamento spirituale: gli essere umani reagiscono quasi sempre in modi violenti e irrazionali non appena entro in gioco eventi avversi”.

Letture, spiegazioni…l’incontro tra mattatori e pubblico, assorto, continua così per buona parte della sua durata, ma c’è anche spazio per argomenti più “pratici”, come le varie peripezie necessarie per la pubblicazione, e aspetti del mondo dell’editoria contemporanea, colpevole, secondo Pardini, Giannotti e Raffi, di produrre, specialmente nel grande circuito, una letteratura di scarso valore e totalmente inadatta a lasciare un segno nel futuro, scartando a prescindere possibili capolavori perché troppo “difficili” o di scarso appeal.

“È un libro che ha faticato tantissimo per essere pubblicato – continua Giannotti – esempio lampante dei problemi ormai atavici che sta affrontando la grande editoria. Si punta tutto su prodotti semplici, bocciando grandi opere perché portatrici di tematiche e stili troppo difficili. I libri belli al giorno d’oggi si sprecano, ma restano le circuito delle piccole case editrici, e non riescono quasi mai a divenire di interesse nazionale e internazionale.

C’è stato un momento in cui ho pensato di smettere di scrivere – chiosa Pardini – o almeno, di pubblicare: scriverò sempre per me. Eppure, il manoscritto che avevo terminato cominciò ad avere consensi tra le persone a me più vicine, e decisi dunque di proporlo alle case editrici. Mondadori, Einaudi, Marsilio: mi hanno scartato tutti, per i più svariati e incredibili motivi. Sono troppo vecchio, scrivo con troppi congiuntivi – ride – non avrebbe un successo così grande. Ma di cosa stiamo parlando? Siamo di fronte ad una decadenza culturale totale. Ormai siamo sommersi da libricini e scrittori che scrivono solo per forgiarsi del titolo di “Scrittore”. Sono pochi quelli che hanno ancora qualcosa di davvero importante da dire”.

Contro l’esibizione di sé a tutti i costi, Pardini perora la sua idea di scrittore: l’esatto contrario di uno snob, che si isola dal mondo perché troppo superiore, ma una figura che soffre, che sente il peso delle parole, e tutto ciò che dice non è improntato all’idea di successo ma di sacrificio.

Fossero tutte così le presentazioni…

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Marina Motroni, coordinatrice di Fratelli d’ Italia a Borgo a Mozzano, chiede al sindaco Patrizio Andreuccetti di attivarsi con il…

Domenica 27 novembre, alla Maratona di Firenze, c'era anche il Gruppo Marciatori Barga con due atleti: Andrea Mori (tempo 3.39.18)…

Spazio disponibilie

L'azienda USL Toscana nord ovest comunica che, a causa di un guasto ai cavi di alimentazione Enel per la Casa…

Il Partito Democratico di Coreglia, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne intende offrire un…

Spazio disponibilie

Una serie di iniziative organizzate, insieme ad enti, associazioni e forze dell’ordine, per sensibilizzare la cittadinanza contro la violenza di…

Anche i centri trasfusionali di Lucca, Castelnuovo Garfagnana e Barga hanno partecipato alle manifestazioni organizzate ieri (venerdì 25 novembre)…

Autolinee Toscane informa che COBAS Lavoro Privato e USB Lavoro Privato hanno indetto uno stato di agitazione aziendale…

Appena rientrati da un tour dove si sono esibiti in Finlandia, Svezia ed alcuni…

Spazio disponibilie

"Il finanziamento regionale per il ponte di San Donnino è davvero un’ottima notizia, voglio ringraziare la giunta toscana e…

Pioggia, temporali ma, soprattutto, vento e mareggiate caratterizzeranno in buona parte le prossime ore di oggi lunedì 21 novembre e…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie