prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

giovedì, 17 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Cecco a Cena

Il ritorno dell'eroina, ma senza la stessa paura né il medesimo allarme sociale

mercoledì, 10 gennaio 2018, 19:01

di aldo grandi

Un figlio che trova il cadavere del padre con, accanto, una siringa contenente, si presume, della droga e, nella fattispecie, eroina, non è una notizia che vorremmo dare o meglio, vorremmo e dovremmo darla accompagnandola da qualche considerazione che, al contrario, la maggior parte dei colleghi e delle testate, per ragioni di spazio e di tempo, non trova e non fa. Tanti anni fa, anni Settanta del secolo scorso per intendersi, la droga era non solo una forma di protesta, ma anche una minaccia avvertita in modo abbastanza consistente in larghi strati della popolazione, soprattutto nella classe piccolo e medio borghese. Al di là delle cosiddette droghe leggere, al di là delle prime droghe sintetiche e allucinogene, al di là della cocaina che era riservata solo a pochi eletti che la conoscevano e se la potevano permettere, il vero e proprio incubo della gioventù dell'epoca era l'eroina, qualcosa di micidiale, di devastante, di inarrestabile. Nei parchi pubblici e non solo, le siringhe usate per iniettarsi la dose mortale si trovavano come le foglie d'autunno sui viali alberati della capitale. Non passava giorno senza che la carta stampata registrasse il decesso di qualche giovane trovato privo di vita con l'immancabile ago infilato nel braccio o la siringa vicina al cadavere. Da allora sono trascorsi decenni e, piano piano, c'è stato un tempo in cui l'eroina sembrava essere divenuta una droga talmente disprezzata dall'essere scomparsa o quasi dal mercato. Purtroppo si era, nel frattempo, inserita un'altra pericolosa deriva ossia la percezione dovuta al permissivismo e al garantismo dilaganti, che drogarsi non fosse poi così disdicevole e che, anzi, chi non si fosse drogato, che razza di persona era? L'anormale diventava normalità e la trasgressione elevata a principio dominante il comportamento umano. Passava, ossia, l'immagine che drogarsi, in fondo, non fosse tanto un reato e nemmeno un farsi del male, ma una sorta di vizio più o meno tollerato, più o meno consumato, più o meno smitizzato. Infine, quando ci si è resi conto, crisi economica impellente, che acquistare la cocaina era troppo dispendioso, rieccoti comparire, insieme ad altre micidiali sostanze chimiche, lei, la maledetta di sempre, l'eroina, non quella che fa piangere, commosso, il pubblico di qualche opera lirica o di altrettanti capolavori drammatici. No, l'eroina che uccide, quella che non costa poi più nemmeno così poco, ma meno di altre, che tutti pensavano, ormai, non attirasse più nessuno.

Con una piccola differenza rispetto a tanti anni fa: che non c'è lo stesso allarme sociale di allora, che oggi drogarsi è un po' come prendere un caffè, nessuno se ne meraviglia più, e la morte per overdose non fa quasi nemmeno più effetto. Un po' come la barzelletta romana in cui il figlio più piccolo va dalla madre e alla domanda che voi fa da grande?, risponde: 'L'attore'. E la madre, senza scomporsi, quasi stizzita: "Ma perché nun te droghi come tu fratello?".

Ecco la notizia di quanto avvenuto a Monsummano ci riporta alla mente una considerazione: che non ci sia più quell'attenzione e quella paura legati al mondo della droga e a chi, di quel mondo, faceva parte. Oggi spacciare è quasi una professione, ci manca solamente l'imprimatur statale e poi siamo a posto. Arriverà un giorno in cui ci saranno veri e propri spacci di droga dove dietro ogni banco un rappresentante territoriale del luogo di provenienza illustrerà gli effetti delle varie sostanze tossiche come una qualsiasi merce. 

Saremo testardi e anche retrogradi, ma a noi la droga ha sempre fatto schifo: leggera, meno leggera e pesante non importa. Metteremmo al muro e senza nemmeno usare la magica parola metaforicamente, tutti coloro che vendono la morte e uccidono la nostra gioventù. E a niente serve aggiungere che ognuno sceglie di fare ciò che vuole con la propria vita. 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Cecco a Cena


prenota spazio


lunedì, 14 gennaio 2019, 11:33

Di Cesare Battisti, per noi, ce n'è solo uno e non è quello arrestato in Bolivia

Con quel nome e quel cognome c'è da domandarsi come abbia fatto, poi, a divenire quel che è stato. Cesare Battisti da Cisterna di Latina, nato nel 1954, è un ex terrorista accusato e condannato per vari reati e latitante dopo essere fuggito dal carcere in cui si trovava, a...


sabato, 5 gennaio 2019, 18:21

Italiani e no

La Sinistra è votata al suicidio. Politico, ovviamente. Invece di cercare di capire perché gli elettori si sono allontanati, continua a rivolgersi e a prendere come punti di riferimento e di militanza gli extracomunitari. Così facendo, dimostra ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, ma è dai tempi delle...


prenota spazio


mercoledì, 2 gennaio 2019, 20:28

Don Massimo Biancalani questa volta l'ha fatta fuori dal vaso

Don Massimo Biancalani questa volta ha esagerato. E non è tanto la foto del barcone con sopra il governo Conte e tutti in mezzo al mare a provarlo, quanto il fatto stesso che egli abbia sentito il bisogno di tornare ad aizzare la polemica nemmeno fosse l'esponente di un partito...


lunedì, 31 dicembre 2019, 17:22

Auguri di buon anno a tutti (fascisti compresi)

Noi non sappiamo se questa giunta possiede il dono del buonsenso, ma, a volte, ne dubitiamo. Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ha fatto approvare una delibera sugli spazi pubblici da assegnare solo a chi farà espressa manifestazione di fede antifascista, ma nei confronti di CasaPound come pensa di agire...


prenota spazio


lunedì, 24 dicembre 2018, 12:04

E digeriamolo questo fascismo

Sono, esattamente, 36 anni che questo pennivendolo di provincia con aspirazioni nazionali, studia, analizza, passa al setaccio il fascismo sin dalle sue origini fino alla tragedia della guerra, senza mai cedere al rimpianto o alla nostalgia del tempo che fu e che, per fortuna, non è più tornato.


domenica, 16 dicembre 2018, 19:51

Né col papa né con la Sinistra

Non tutti sono arrivati alle medesime conclusioni e nemmeno in tanti ci hanno provato. Tuttavia, a coloro i quali non hanno ancora svenduto il cervello sui banchi del Pensiero Unico Dominante, un interrogativo balza di questi tempi all'attenzione: come è possibile che due forze all'apparenza così antitetiche come la Chiesa...


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2