prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

lunedì, 24 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Cecco a Cena

Bottigliata in faccia a un ispettore di polizia: a furor di popolo la gente chiede giustizia

martedì, 13 marzo 2018, 18:36

di aldo grandi

Qualcosa, dopo il 4 marzo, ma anche da molto prima, non è più lo stesso. La gente, quella che non ha tempo per scendere in piazza e fare cortei ad ogni cader di foglia, quella che ragiona con la pancia ancor prima, e per fortuna, che con la testa, quella che a Sinistra definiscono populista, non ne può più. Chiede, giustamente, che il buonsenso, innanzitutto, se non la legge, prevalga in questa giungla che è diventata la nostra quotidianità. Questa mattina in centro a Montecatini due rumeni hanno preso a bottigliate in faccia un ispettore di polizia rompendogli i denti. Immediatamente la notizia ha sollevato le ire sui social delle persone che hanno voluto manifestare solidarietà al poliziotto intervenuto per allontanare la coppia di rumeni ubriachi che stava infastidendo alcune commesse di un negozio e gli avventori di un bar. A furor di popolo viene chiesta giustizia esemplare perché non esiste da nessuna parte che dopo un episodio del genere questi disgraziati vengano rimessi subito in libertà. Montecatini è una città accogliente da sempre, diremmo, quasi, per antonomasia, ma a tutto c'è un limite soprattutto se questo limite viene superato troppo di frequente.

Qualcuno ama gridare al ritorno del fascismo e del razzismo, ma se schierarsi senza se e senza ma dalla parte di chi patisce sistematicamente violenze ed aggressioni nel tentativo di limitarle, ebbene, allora vorrà dire che saremo e siamo tutti fascisti e razzisti. La realtà è altro ed è che la questione sicurezza non è più rinviabile così come la questione dell'accoglienza indiscriminata. Chi delinque deve essere espulso e fatto rientrare da dove è venuto. Vale per i migranti dell'ultim'ora, vale per chiunque non rispetti la legge. Adesso vogliamo vedere se qualcuno scenderà in piazza, a Sinistra, per difendere le forze di polizia che ancora una volta pagano il loro impegno sulla strada. Pensate un po' se gli aggressori fossero stati due militanti di destra e la vittima un antifascista. A quest'ora sarebbero scese in strada le forze del Patto di Varsavia all'uopo riesumate.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Cecco a Cena


prenota spazio


mercoledì, 19 settembre 2018, 14:13

Il centrodestra esiste ancora?

Mentre infuria la telenovela Pd – scioglierlo o non scioglierlo, questo è il dilemma – il centrodestra come sta? Male, grazie. In stato comatoso. Lo si sta cercando di rianimare ad Arcore, a suon di incontri col vincente Salvini, che però al momento non sembra volersi lasciar incantare dalle sirene...


martedì, 18 settembre 2018, 13:27

La cena delle beffe

Niente cena dal sor Calenda. Il convito a quattro annunciato a reti unificate nella bella casa romana dell’ex ministro dello Sviluppo economico fra Renzi, Gentiloni, Minniti e Calenda, appunto, in veste di anfitrione, è saltato. L’ex ministro lo voleva fortissimamente per – non ci si crede, ma è così –...


prenota spazio


venerdì, 14 settembre 2018, 14:29

Di che sesso sei? X

Oggi è un giorno storico per New York”, ha detto il portavoce del consiglio comunale. Che è successo? Sono state ricostruite tali e quali le Torri Gemelle? E’ scomparsa all’improvviso la criminalità? La metropoli è diventata un Eden? Figuriamoci.


domenica, 2 settembre 2018, 15:47

Il giorno in cui l’Europa crollò

Il giorno in cui si sgretolò l’Unione europea l’ennesima agenzia di rating straniera aveva sentenziato che l’outlook italiano doveva passare da “stabile” a “negativo”, Salvini si fregiava di 5 medaglie al valore tante quanti gli avvisi di garanzia per la nave Diciotti, i 5 Stelle insistevano con le nazionalizzazioni e...


prenota spazio


giovedì, 30 agosto 2018, 21:38

Somiglianze

Cosa puó accumunare Luigi Patronaggio ed Emilia Zarrilli? All'apparenza poco o niente, se non il fatto che, entrambi, siano due funzionari dello Stato. Lui magistrato di lungo corso, inquirente, tra le altre cose, nelle indagini sull'omicidio di don Puglisi, opera per la procura di Agrigento.


martedì, 21 agosto 2018, 22:40

Se bastasse il nome...

Alla ricerca di un nome, come un’ossessione. Per invertire la rotta e mandare a casa il governo “usurpatore”. Tornare ai bei tempi andati e ricominciare la giostra interrotta dalla volontà popolare. Uno, Berlusconi, vuole varare “L’altra Italia”. L’altro, il Pd, pensa a “Movimento democratico europeo”.


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2