prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

sabato, 21 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Cecco a Cena

Cani e porci

venerdì, 6 settembre 2019, 10:04

di aldo grandi

I cani quelli no, non li abbiamo visti se non, ogni tanto, al guinzaglio dei loro padroni, ma di porci, ebbene, soprattutto ad alta quota, passando dal versante orientale a quello occidentale al centro dell'Ile de Beauté, ne abbiamo scorti. Ma si trattava di porci lontani anni luce da quelli cui siamo abituati a queste latitudini, soprattutto, a quelle romane. Porci sì, ma che vagavano in mezzo alla strada e non certo su auto blu, magri e senza un filo di grasso, abituati a cibarsi dei frutti del sottobosco mentre i loro fratelli cresciuti nella capitale vivono in ben altro sottobosco e, in particolare, amano mangiare a quattro ganasce ben altre portate. Pensavamo, invero, che trascorrere alcuni giorni sul molo, ma al di là del mare, ci avrebbe aiutato a recuperare fiducia e speranza e a stemperare la rabbia accresciutasi in questi ultimi tempi a seguito del colpo di stato strisciante posto in essere dai servitori nostrani dello straniero, dei leccaculo e delle puttane al servizio degli organismi sovranazionali. Purtroppo non ci siamo riusciti.

Anche a così tanti chilometri di distanza, in mezzo ad un mare così trasparente che più trasparente non si può, è stato impossibile non avvertire il tanfo dei miasmi provenienti dalle istituzioni politiche che, a Roma, si sono spartite il potere alla faccia e alle spalle del popolo delegittimato e privato della sua sovranità grazie a manovre di corridoio che ad altro non sono servite se non ad allontanare ancora di più il paese reale dal paese legale, la gente comune da coloro che dovrebbero rappresentarla, la ragione dal buonsenso popolare. 

Cani e porci dicevamo, ma è un complimento. In un mondo politico dove i cani e i porci sono la maggioranza, a qualunque età e partito, si lamenta l'assenza degli esseri umani. Provenienti da un evo e da una epoca storica in cui chi abita da sempre un territorio è il solo a poterlo e doverlo proteggere e difendere, siamo ritornati via nave in quel di Livorno, città dove la mediocrità e il degrado sono patrimonio del Dna e impossibili da modificare. Appena rientrati abbiamo appreso la nuova squadra di Governo, questa sorta di lazzaretto che si appresta a governare, si fa per dire, un paese ormai privo di identità e spremuto a dovere dai veri traditori che si annidato nei palazzi della politica romana e in quelli dell'Oltretevere abitati dall'omino vestito di bianco e dai suoi seguaci svenduti al mondialismo che abbatte ogni differenza - non diseguaglianza - in nome di un appiattimento sociale e umano che offende la dignità di ogni individuo.

Questo Governo formato per non permettere al popolo di scegliere da chi essere governato è soltanto un burattino nelle mani dell'Unione Europea, dei mercanti di schiavi del nuovo mondo, di coloro che detengono milioni di vite premendo un bottone e trasferendo capitali da uno stato all'altro, di politicanti da strapazzo che vivono oltreconfine e che pretendono di decidere la vita dei popoli senza rispettarne i desiderata. 

Il nostro disprezzo per il partito democratico, il presidente della Repubblica, il Pentastellati, tutte le altre comparse di questo teatrino di cartapesta è massimo, indicibile, tale da farci vomitare per lo schifo e per il disgusto di dover ancora una volta, come accadde l'8 settembre 1943, prendere atto che il popolo non conta niente nemmeno in democrazia dove intellettuali e servi di regime si sciacquano la bocca con le parole del politicamente corretto.

Cani e porci, in questo stivale sfasciato, la fanno da padroni, ma a differenza dei veri cani e dei veri porci, pretendono di avere una dignità che non meritano né hanno e di essere anche più intelligenti mentre, al contrario, sono solamente più brutti, sporchi e cattivi.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Cecco a Cena


prenota spazio


sabato, 24 agosto 2019, 17:17

Querele, denunce, processi, procedimenti disciplinari, censure, sospensioni ma, alla fine, le Gazzette sono ancora lì, più forti che mai

Da quando questo folle scribacchino di provincia ha aperto, una per una, le Gazzette, non sono mancati - tutt'altro - le querele, le denunce, i processi, i procedimenti disciplinari al (dis)ordine dei giornalisti, gli avvertimenti, le censure, financo le sospensioni, addirittura, per tre mesi.


giovedì, 8 agosto 2019, 22:06

Di una Chiesa così non sappiamo cosa farcene

Anche il vescovo di Pistoia, monsignor Tardelli, è uscito allo scoperto e ha rivelato il suo pensiero: critiche al decreto sicurezza bis, ma, soprattutto, l'aberrazione di dire che una legge può essere ingiusta anche se votata dalla maggioranza dei rappresentanti del popolo e, quindi, a tutti gli effetti rispettosa dei...


prenota spazio


martedì, 23 luglio 2019, 13:32

Matteo Renzi al Ciocco per formare la nuova classe digerente

Incredibile, ma vero. Al Ciocco, regno più o meno incontrastato del feudatario targato Pd Andrea Marcucci, dal 21 al 24 agosto sarà di scena, nelle vesti di insegnante di politica e democrazia, nientepopodimeno che Matteo Renzi.


mercoledì, 17 luglio 2019, 12:18

Ora anche la Russia: le trovano tutte pur di smantellare Salvini, ma il Pci è stato foraggiato per decenni dai soldi dell'Urss

Quando questo scribacchino di provincia cominciò a scrivere si era nel lontano 1986. Un periodico, Orizzonti della sinistra, diretto da Italo Avellino, cercava dei collaboratori. La sede era a due passi da ponte Cavour, cuore di Roma.


prenota spazio


martedì, 2 luglio 2019, 13:21

(S)Carola, altrimenti detta indivia

Ci scuseranno i lettori se per alcuni giorni ci siamo disinteressati-disintossicati dal piacere di scrivere la solita, ormai, consueta rubrica che tanti guai, ma anche tante soddisfazioni ci ha portato in questi nove anni di attività.


mercoledì, 19 giugno 2019, 18:27

No, questa non è una chiesa

Ha suscitato molte polemiche e commenti di vario genere l'articolo su Vicofaro dal titolo Se questa è una chiesa, parafrasando un ben altro titolo e molto più famoso, tratto da un libro di Primo Levi. Ovvio che si tratta di una provocazione, la nostra, tesa a far capire come, ormai,...


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2