prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

martedì, 18 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Cronaca

Reati tributari, reimpiego ed autoriciclaggio: sequestri per 2,8 milioni di euro

mercoledì, 12 giugno 2019, 12:03

Reati tributari, sottrazione fraudolenta di beni all’azione di recupero dell’Erario, illecito reimpiego e autoriciclaggio: questo il novero dei delitti che sono finiti sotto la lente d’ingrandimento della guardia di finanza di Pistoia e che hanno dato il via oggi - su delega della locale Procura della Repubblica - a una serie di attività di polizia giudiziaria sul territorio toscano e nazionale.

Quattordici i soggetti coinvolti a vario titolo, di cui ben sette sono risultati componenti dell’associazione a delinquere, per cui il Tribunale ha disposto il sequestro ai fini di confisca diretta e per equivalente di somme di denaro, immobili, beni, un complesso aziendale e quote societarie, per un valore complessivo di circa 2,8 milioni di euro.

Di base a Montale (PT), l’associazione criminosa ha operato - sin dal 2011 - nell’area delle province di Pistoia, Prato, Frosinone e Caserta, al fine di preservare (attraverso la consumazione dei reati descritti) due centri di interesse economico-finanziario, operanti nei settori della produzione e commercializzazione di materassi e dell’intrattenimento ludico e sportivo, riconducibili a un imprenditore montalese. Quest’ultimo - con la speranza di far perdere le tracce dei proventi illeciti, nel tempo accumulati - si era spogliato di ogni bene a lui formalmente riconducibile anche, e soprattutto, grazie all’ausilio degli altri componenti l’organizzazione criminale: un ragioniere (addetto alla gestione contabile dell’intero gruppo di aziende coinvolte) e un commercialista di Prato (presso cui era domiciliata una parte delle attività economiche e che, in alcuni casi, si prestava, altresì, a rivestirne anche cariche societarie).

Il pactum sceleris ha oltrepassato i confini regionali grazie all’apporto fornito da un consulente della provincia di Frosinone (operante tra Pistoia, Pontecorvo e Sessa Aurunca), che aveva il compito di schermare i principali beneficiari delle frodi, reclutando e gestendo tre prestanome: un viareggino (deputato a rappresentare formalmente le aziende in bonis) e due pregiudicati (privi di alcun reddito) residenti in provincia di Caserta e di Latina,per le aziende indebitate da rendere non più operative, né tantomeno rintracciabili per i creditori, Erario compreso.

In apparenza fisiologico (anche grazie ai tecnicismi adoperati dai professionisti contabili), l’illecito modus operandi è emerso soltanto all’esito di articolate indagini, coordinate dall’A.G. pistoiese sin dai primi mesi del 2017, che hanno visto  le fiamme gialle impegnate in una certosina analisi di dati e notizie (acquisite dalle banche dati in uso al Corpo), unitamente all’esecuzione di sopralluoghi, riscontri contabili, accertamenti bancari e perquisizioni locali, che consentivano di rinvenire e sequestrare copiosa documentazione utile alle indagini.

Al termine delle investigazioni, infatti, è stato possibile svelare che - nel tempo - il gruppo criminale aveva accumulato debiti (tributari e previdenziali) per diversi milioni di euro: a fronte di tale situazione, di volta in volta, la bad company veniva posta in liquidazione e per poi essere trasferita in altre Regioni italiane, mediante la sostituzione del precedente amministratore con una testa di legno che, successivamente, si rendeva irreperibile celando non solo i beni ma anche l’intera contabilità aziendale.

Diversi e particolarmente ingegnosi gli espedienti adottati dagli associati che, purtroppo, in diverse occasioni avevano effettivamente reso inefficace l’azione di recupero promossa dall’Erario: al posto dell’azienda in crisi subentrava un nuovo soggetto giuridico, apparentemente diverso ed estraneo; contestualmente alla messa in liquidazione e al trasferimento di sede, l’azienda indebitata registrava operazioni commerciali e contabili con cui regolava crediti e debiti di aziende “sane” dello stesso gruppo, oppure vendeva e/o affittava beni, attrezzature e mezzi ad altre aziende, sempre appartenenti al medesimo circuito.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Cronaca


prenota spazio


martedì, 18 giugno 2019, 16:08

Zeffirelli come Oriana, fiorentino scomodo e anticomunista

In occasione della morte di Franco Zeffrirelli, le Gazzette pubblicano un ricordo di Marcello Mancini, collega ed ex direttore del quotidiano fiorentino La Nazione


martedì, 18 giugno 2019, 12:58

Il Pistoia Blues si apre alla Street Art

Le esibizioni si terranno da lunedì 8 a mercoledì 10 luglio in via Cavour, via Cino e via Buozzi. Gli artisti interessati possono candidarsi entro il 5 luglio, inviando una email. La partecipazione è gratuita


prenota spazio


martedì, 18 giugno 2019, 11:57

Chi è Giovanni Battista Scali, il nuovo questore di Pistoia

Tra poco meno di un'ora il nuovo questore di Pistoia si presenterà al pubblico. Si chiama Giovanni Battista Scali ed ha passato una vita intera all'interno del corpo di polizia, assumendo incarichi in varie parti d'Italia: da Roma a Treviso, passando per Venezia


lunedì, 17 giugno 2019, 22:20

Vicofaro, se questa è una chiesa

È entrata nella chiesa di Vicofaro e ha scattato le fotografie sottostanti "per documentare il grande disagio che regna nel modello di accoglienza di questa struttura". Protagonista del fatto è Cinzia Cerdini


prenota spazio


lunedì, 17 giugno 2019, 14:55

Proseguono gli interventi del primo lotto del raddoppio ferroviario tra Pistoia e Montecatini Terme, sulla linea Firenze – Pistoia – Viareggio

Per consentire l'operatività dei cantieri, sarà sospesa la circolazione dei treni tra Pistoia e Montecatini Terme da domenica 14 luglio a domenica 1° settembre. Tra le due località sarà attivo un servizio sostitutivo con autobus "Via Autostrada A11" che non effettuerà fermate intermedie


domenica, 16 giugno 2019, 10:26

Incendio in un negozio sportivo: intervengono i vigili

Una squadra del comando dei vigili del fuoco di Pistoia è uscita ieri sera per un incendio in un negozio sportivo. Una volta sul posto, si è trovata un folto fumo nell'interrato dell'esercizio che proveniva dall'interno di un pozzetto del marciapiede dove una sigaretta aveva incendiato lo sporco al suo...


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio