prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

giovedì, 24 maggio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Cultura e Spettacoli

Masotti: "Alzheimer peggio di Aids e Tbc, ma non se ne parla"

mercoledì, 16 maggio 2018, 11:08

Il professor Giulio Masotti, geriatra di fama, lo ripete sgomento da anni: “La tubercolosi, che colpiva giovani e adulti, fu oggetto per decenni di martellanti campagne internazionali. Per l’Aids sono stati stanziati fondi colossali. Invece di Alzheimer e demenze, flagello ben peggiore di Aids e Tbc che solo in Italia coinvolge milioni di malati e famiglie, trattandosi di anziani, politica e società civile ne parlano appena. Ecco: due mesi per trattare di flat tax, reddito di cittadinanza e poltrone, ma sulla demenza non una virgola”.

Presidente onorario della Società di Geriatria e Gerontologia, Masotti ha insistito sul punto anche oggi presentando a Pistoia  il programma del 9° Congresso nazionale sui Centri Diurni Alzheimer che, per la prima volta, si tiene a Montecatini Terme (Teatro Verdi, 18-19 maggio), co-organizzatori i colleghi Carlo AdrianoBiagini, Alberto Cester, Andrea Ungar ed Enrico Mossello in veste di coordinatore scientifico.   

“Purtroppo”, dice Masotti, “combattiamo contro i mulini a vento. I politici sono del tutto sordi. Né bastano le prestazioni del Servizio Sanitario. Le singole realtà non ce la fanno. Malati e caregiver sono lasciati soli mentre si dovrebbe aiutarli in ogni modo. Manca una gigantesca campagna per la diagnosi precoce, per la prevenzione e la ricerca, che coinvolga associazionismo, non profit, fondazioni, media, creativi, professioni sanitarie, scuole. E alla guida di questo esercito del bene uno Stato convinto e aggressivo”.

Curato dall’Unità di Medicina dell’Invecchiamento dell’Università di Firenze con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia presieduta dal commercialista Luca Iozzelli, il congresso sui Centri Diurni Alzheimer rappresenta in Italia la frontiera più avanzata del pianeta demenze, il luogo dove ricercatori, clinici, psicoterapeuti e specialisti vari si danno conto di ogni novità.

Anche stavolta non mancano notizie di progressi della ricerca di sicuro interesse. Ma in assenza tuttora di farmaci davvero vincenti, l’accento del congresso cade necessariamente sulla prevenzione da un lato e, dall’altro, sulla figura strategica del caregiver, oggi legalmente ed economicamente misconosciuta.

Da ricordare, per inciso, che in Italia l’Alzheimer è ormai la terza causa di morte. Non solo: condanna a lunghi anni di sofferenza e a spese che troppi non possono permettersi. Stiamo parlando di 2,5 milioni di malati, di cui 85 mila in Toscana, 20 mila a Firenze, 7 mila a Pistoia. Con familiari e caregiver gli abitanti del pianeta demenza superano i 5 milioni. Previsioni? Pessime: di questo passo, con la popolazione che invecchia, si arriverà in pochi decenni a dati insostenibili.

Del decadimento cognitivo, comunque causato, se ne sa però già abbastanza per dire che lo si può in parte prevenire con uno stile di vita avveduto: sana alimentazione, attività intellettuale e fisica, relazioni sociali. Niente di complicato. Ma, come si diceva, manca chi aiuti gli anziani a uscire dall’isolamento.

A proposito di prevenzione il congresso propone varie relazioni. Tra le principali quelle del neurologo Ubaldo Bonuccelli che a Pisa ha appena avviato la seconda fase del progetto Train the Brain (allena il cervello) ideato per trattare i pazienti appunto con lo stile di vita; dello psicogeriatra Marco Trabucchi, presidente dell’Associazione scientifica della categoria, sulla solitudine nella demenza e i possibili rimedi; e dell’educatore Luca Carli Ballola che con il metodo TimeSlips aiuta i malati a risocializzarsi e ad esercitare la memoria tra visite ai musei e sedute di gruppo. Poi parola all’ex parlamentare M5S Laura Bignami che ha lavorato alla legge sul riconoscimento legale dei caregiver.

Sul fronte della ricerca, invece, l’odontoiatra Caterina Perra (Asl Toscana Centro) riferisce sulle novità internazionali circa il sorprendente rapporto tra masticazione e funzione cognitiva, oltre a quanto in tema già si fa nella regione. Due gli interventi dal prestigioso istituto IRCCS S. Lucia di Roma: 1) il biochimico Sergio Oddi con l’elogio della Marjiuana e i risultati dei promettenti test in corso sugli endocannabinoidi, la cannabis che il corpo produce naturalmente; 2) il neuropsichiata Carlo Caltagirone sulle conseguenze dell’uscita dalla ricerca di Merck e Pfizer, due star di Big Pharma.

Dunque un programma di alto profilo scientifico assai bene articolato, merito anche della Fondazione CRPP che per il problema Alzheimer ha mostrato da tempo inconsueta sensibilità e lungimiranza. “Aver sostenuto il congresso fin dalla prima edizione “ha detto ai giornalisti il presidente Iozzelli, “è per noi motivo di autentico orgoglio, così come siamo orgogliosi dei tanti investimenti nel sociale con iniziative di sostegno e di intervento diretto destinate appunto alle vittime dell’Alzheimer”.


Questo articolo è stato letto volte.


esedra


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Cultura e Spettacoli


prenota spazio


martedì, 22 maggio 2018, 11:25

Domenica torna “Pistoia Città dei Pulpiti”

Continuano le iniziative promosse dalla Giorgio Tesi Editrice e dal Centro Guide Turismo Pistoia che hanno unito le proprie competenze e i propri sforzi per promuovere la conoscenza delle numerose opere d’arte presenti in città


martedì, 22 maggio 2018, 11:24

“I boschi diventavano carbone, le castagne erano il pane. Un anno “in compagnia” dei boscaioli”: presentazione alla biblioteca Forteguerriana

Giovedì 24 maggio alle 17 in sala Gatteschi alla biblioteca Forteguerriana, per il ciclo “Leggere, raccontare, incontrarsi...”, sarà presentato il volume “I boschi diventavano carbone, le castagne erano il pane. Un anno “in compagnia” dei boscaioli”, di Andrea Bolognesi, edito da Settegiorni nel 2018.


prenota spazio


martedì, 22 maggio 2018, 11:13

Saggi e campi estivi al Funaro

Gionedì 24 maggio, alle ore 18.30, al Funaro di Pistoia è in programma l’ultimo Compleanno d’autore della Stagione, quello dedicato a EduardoDe Filippo


martedì, 22 maggio 2018, 08:52

La logica e la retorica, convegno al liceo "A. di Savoia"

“Oltre due culture”, dice il titolo del convegno, o forse dentro due culture che si fondono, in una coabitazione che, ogni giorno, si vive e si respira fra i banchi del Liceo “A. di Savoia”. Questo il messaggio che vogliono veicolare gli studenti della 4B e della 4D del Liceo...


prenota spazio


lunedì, 21 maggio 2018, 13:47

"Il fiore della memoria" al Piccolo Teatro Bolognini

Quinto appuntamento, mercoledì 23 maggio al Piccolo Teatro Bolognini (ore 21), per la rassegna “La Scuola in scena”, promossa dall'Associazione Teatrale Pistoiese


venerdì, 18 maggio 2018, 18:19

Giovedì alla Fondazione Tronci "Jazz in progress"

Un gruppo d'eccezione per gli amanti del jazz classico giovedì 24 maggio ore 21.30 in corso Gramsci 37 Pistoia. In quel magico luogo che è la Fondazione Luigi Tronci si esibirà il progetto Jazz in progress


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2