prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

sabato, 21 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Economia

Tari in diminuzione nel 2019 in Valdinievole, Confcommercio: "Ancora evidente la disomogeneità fra aree limitrofe"

venerdì, 13 settembre 2019, 16:58

Tari meno cara nel 2019 in Valdinievole ma restano evidenti i divari di costo fra le stesse tipologie di attività nei differenti comuni.

A dirlo è l’analisi di Confcommercio Pistoia e Prato che riporta al centro del dibattito la tassa per lo smaltimento dei rifiuti, l’imposta che ancora oggi si conferma fra le più gravose per imprese e cittadini e che rischia di frenare lo sviluppo dell’intero territorio.

Se la fotografia dei costi per il 2019 evidenzia delle diminuzioni della tariffa in quasi tutta l’area – ad eccezione di Uzzano con aumenti del 2 per cento al metro quadro – è vero che questi sono dovuti da una sovrastima fatta da Alia sull’investimento da dedicare alla raccolta porta a porta che dallo scorso Dicembre ha coinvolto sei Comuni – Buggiano, Chiesina Uzzanese, Massa e Cozzile, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Uzzano  – e che fra il 2017 e il 2018 aveva portato rincari in bolletta pari al 20 per cento.

Ciò che è più evidente è come aziende appartenenti alla stessa categoria e operanti in aree limitrofe – simili talvolta per la modalità di smaltimento dei rifiuti – arrivino a pagare cifre sostanzialmente diverse.

È l’esempio di Pieve a Nievole dove un ristorante paga 14,68 euro al metro quadro contro i 10,71 di un ristorante a Monsummano Terme.

Oppure di un’attività di ortofrutta a Buggiano che ha dei costi pari a 36,26 euro al metro quadro, a differenza dei 27,35 euro per la stessa azienda di Ponte Buggianese.

La ricerca rimanda a un quadro travagliato e poco omogeneo che continua a penalizzare le attività economiche e che frena il loro sviluppo.

Per Confcommercio si tratta di dati preoccupanti, ancora di più se si considera che dal 1 gennaio dello scorso anno i Comuni avrebbero dovuto avvalersi delle risultanze dei fabbisogni standard nella determinazione dei costi relativi al servizio di smaltimento dei rifiuti.

Se da una parte le agevolazioni introdotte – fortemente volute in passato da Confcommercio – riescono ad alleggerire la tariffa, dall’altro richiedono un impegno notevole da parte degli operatori che per ottenerle devono operarsi in contesti non sempre semplici.

È indispensabile in questo campo un costante confronto e una collaborazione fra Associazioni, Amministrazione Comunale e aziende, al fine di agevolare le categorie economiche, a partire da quelle più colpite dall’imposta, attraverso il loro coinvolgimento attivo nei processi di raccolta e gestione dei rifiuti in modo da introdurre nuove riduzioni per chi adotta comportamenti virtuosi o favorisce lo smaltimento di rifiuti differenziati.

È quanto accade proprio in queste settimane fra Confcommercio e l’Amministrazione di Chiesina Uzzanese che stanno lavorando a un intervento congiunto per sostenere i pubblici esercizi del territorio, uno dei settori a cui vengono attribuiti i costi più alti.

L’intera riflessione sulla Tari nasce dall’analisi di Confcommercio Imprese per l’Italia – attraverso l’Osservatorio Tasse Locali, lo strumento permanente dedicato alla raccolta e all’analisi di dati e informazioni sull’intero territorio relative alla tassa rifiuti (TARI) pagata dalle imprese del terziario – conferma la continua crescita su tutto il territorio nazionale della tassa, nonostante una significativa riduzione nella produzione dei rifiuti stessi, e ripropone evidenti divari di costo nello stesso territorio tra le medesime categorie economiche a parità di condizioni.

Servono risposte urgenti per avviare una profonda revisione dell’intero sistema che rispetti il principio europeo ‘chi inquina paga’ e tenga conto delle specificità di determinate attività economiche delle imprese del terziario, al fine di prevedere esenzioni o agevolazioni per le aree che di fatto non producono alcun rifiuto e sulle quali invece continua ad essere calcolata integralmente la tassa.

 

Le principali:

  • Alcune categorie di cui fanno parte macellerie, falegnamerie, officine, lavanderie possono accedere alla riduzione forfettaria della superficie su cui pagare l’imposta per lo smaltimento dei rifiuti speciali (questo perchè non è possibile stabilire la superficie effettiva sulla quale vengono prodotti tali rifiuti in proporzione alla superficie totale).
  • Riduzione della parte variabile della tariffa per chi smaltisce attraverso aziende specializzate rifiuti assimilati (carta e cartone, vetro, plastica).

Riduzioni particolari:

UZZANO

Riduzione del 40 per cento per le categorie pubblici esercizi, fiorai, ortofrutta, pescherie se conferiscono correttamente l'organico nei relativi bidoni

MONTECATINI TERME

Riduzione del 15 per cento in caso di svolgimento di lavori pubblici con durata superiore ai 6 mesi

PESCIA

  • riduzione del 50 per cento per nuove attività sotto i 200mq per i primi due anni
  • riduzione del 50 per cento per le attività turistiche in zone montane
  • riduzione del 30 per cento per i bar che non hanno slot
  • riduzione del 30 per cento per lavori pubblici con durata superiore ai 6 mesi

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Economia


prenota spazio


venerdì, 20 settembre 2019, 12:20

Delegazione di imprenditori messicani ospiti di Confindustria e in visita al Materassificio Montalese

Una visita molto gradita quella di ieri in Confindustria Toscana Nord e al Materassificio Montalese: una delegazione di 20 imprenditori messicani di CANACINTRA (Cámara Nacional de la Industria de la Transformación), guidati dal presidente Enoch Castellanos Férez


giovedì, 19 settembre 2019, 17:40

Clima e florovivaismo, Coldiretti: "Anche bonus giardini e terrazzi in dl"

Come sollecitato dalla Coldiretti arriva anche il bonus verde per giardini e terrazzi nella bozza di decreto legge sul clima, con la detrazione ai fini Irpef del 36 per cento delle spese per lavori di ‘sistemazione a verde’ di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni,...


prenota spazio


giovedì, 19 settembre 2019, 16:36

PAPER 19: esordisce il corso di tecnico superiore cartario. Regione e industria unite in una due giorni di promozione

Si radica sul territorio il progetto PAPER19, percorso biennale formativo per tecnico superiore per la produzione nel settore carta, promosso, con specifico riguardo al comparto delle aziende della carta e del cartone e della relativa produzione di macchine, dall' ITS Prime in co-progettazione con Federazione Carta Grafica, Confindustria Toscana Nord...


mercoledì, 18 settembre 2019, 09:11

Nuovi corsi per imprenditori agricoli su biologico e biodinamico

Con l’autunno riprendono gli appuntamenti di BioGreen: il corso interamente finanziato dalla Regione Toscana che l’Istituto di formazione APAB propone agli agricoltori che vogliono riconvertire la propria azienda e innovare nel segno della qualità, del rispetto per l’ambiente e della competitività economica


prenota spazio


martedì, 17 settembre 2019, 11:54

Creazione d’impresa: percorsi di orientamento, formazione e consulenza gratuita a Pistoia

Hai un’idea d’impresa? Partecipa al progetto "Ready To Start Up" - finanziato con le risorse del Pr FSE Toscana 2014-2020 nell'ambito di Giovanisì di Regione Toscana – che dà la possibilità ai giovani inocuppati, inattivi o disoccupati di acquisire competenze specifiche, utili all'attività imprenditoriale


martedì, 17 settembre 2019, 11:52

Corso gratuito per la gestione del servizio di sala e bar

C’è tempo fino a giovedì 19 settembre per iscriversi al corso gratuito per “Tecnico per l’approvvigionamento delle materie prime e la predisposizione, gestione e cura del servizio di sala bar (497)” organizzato da Omnia Formazione e promosso da Regione Toscana con il finanziamento del Fondo Sociale Europeo


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio