prenota spazio

Anno 1°

venerdì, 19 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

L'Evento

Gli studenti di Pistoia a Birkenau

lunedì, 21 gennaio 2019, 15:55

Il piccolo Massimo D'Angeli, ucciso ad un anno appena arrivato nel campo di Auschwitz-Birkenau, non deve essere dimenticato. Ci hanno pensato i ragazzi del Treno della Memoria a ridargli la dignità che merita stamani a Birkenau, ricordandolo nel corso della toccante cerimonia legata al progetto Un nome, una storia, una memoria proposto dal Museo della Deportazione e Resistenza, nel contesto dell'iniziativa della Regione che ha portato in questi giorni ad Auschwitz circa 40 studenti e cinque insegnanti provenienti da 4 istituti superiori del territorio di Pistoia (F. Martini, Marchi-Forti, Sismondi Pacinotti, Duca D'Aosta). In tutto sono oltre 550 gli studenti (tra questi sessanta universitari) e circa sessanta i docenti, provenienti da tutta la Toscana, che prendono parte all'edizione 2019 del Treno della Memoria promosso dalla Regione, sotto l'Alto patronato del presidente della Repubblica, a cui partecipa anche la vicepresidente Monica Barni. La fase preparatoria e organizzativa del Treno è affidata al Museo della Deportazione.

La storia – Il piccolo Massimo era l'ultimo nato della famiglia D'Angeli, trasferitasi in Toscana ma originaria di Mantova e Roma. Il destino di questa famiglia è una delle pagine più tristi della deportazione ebraica del territorio pistoiese. Il padre Mario, la mamma Renata, il fratellino Carlo e la nonna materna Clara furono arrestati insieme a Massimo il 5 novembre 1943 a Montecatini Terme dalle SS. Massimo aveva solo un anno e la famiglia aveva deciso di rimandare la fuga per festeggiare il suo compleanno, il 6 novembre. Partirono per Auschwitz il 9 novembre dalla stazione di Santa Maria Novella e all'arrivo, il 14 novembre, Massimo fu ucciso immediatamente nelle camere a gas con il fratellino e la nonna. Dei genitori non si sa nulla, né il luogo né la data di morte.

Il commento degli studenti - È toccato allo studente Samuele Lika dell'istituto Marchi-Forti di Monsummano, rinnovare la memoria di Massimo D'Angeli, pronunciando il suo nome a Birkenau durante la cerimonia che ha concluso la visita al campo di sterminio. "La storia del piccolo Massimo D'Angeli la cui famiglia è vissuta nella paura per tanto tempo, ci ha aiutato a comprendere anche l'angoscia dei terribili mesi prima dell'arresto – racconta Samuele Lika insieme ai suoi compagni e all'insegnante Chiara Cecchi - È molto diverso rivivere questa esperienza e conoscerne i fatti rispetto al racconto di libri e film. La perfetta macchina della morte nazista, che funzionava considerando gli esseri umani come oggetti, ci sembra frutto di un sogno spaventoso. A Massimo D'Angeli è stata dedicata una scuola dell'infanzia a Montecatini Terme, perché è proprio nelle scuole che è essenziale testimoniare alle generazioni future ciò che è stato. Noi questo vogliamo essere: nuovi testimoni".

Il progetto Un nome, una storia, una memoria - Il progetto Un nome, una storia, una memoria costituisce una opportunità che viene offerta ai ragazzi per stabilire un rapporto più diretto e personale con la storia. "Prima di partire abbiamo consegnato ad ogni studente e studentessa il nome di una persona deportata ad Auschwitz da custodire e portare con sé in viaggio per poi pronunciarlo a voce alta davanti ad un microfono il 21 gennaio, al termine della visita guidata e prima della cerimonia davanti al memoriale di Auschwitz-Birkenau - spiegano Aurora Castellani e Camilla Brunelli, presidente e direttore della Fondazione Museo della deportazione che ha sede a Prato - Ogni storia individuale , dalla persecuzione alla deportazione e nella maggior parte dei casi fino alla morte, comprende già ogni aspetto della tragica storia dello sterminio nazista".

Scuole, insegnanti e studenti - Ecco l'elenco delle scuole superiori, degli insegnanti e degli studenti del territorio di Pistoia che in questi giorni prendono parte al Treno della memoria.

Isi Sismondo Pacinotti Pescia - Docente Arianna Adorni. Studenti: Melania Nicastro, Almedina Osmanoska, Matteo Passaponti, Lisa Pucci, Ilenia Ricotta, Sharon Quaceci, Sara Salvestrini, Brunella Zannoni.

Istituto professionale F. Martini per l'enogastronomia e l'ospitalità alberghiera – Docente Tommaso Petti. Studenti: Gabriel Paciello, Lorenzo Princi, Rachele Capannucci, Matilde Flamigni, Greta Lupori, Ludovica Voerzio, Matilde Macherelli, Ilona Buryak.

ITS Marchi-Forti Monsummano - Docente Chiara Cecchi. Studenti: Alessia Convalle, Ana Alexandra Budei, Mirko Pucci, Angela Della Corte, Aurora D'Angelo, Luisa Ruotolo, Martina Caso, Samuele Lika.

IIS Sismondi Pacinotti Pescia – Docente Barbara Pietralli. Studenti: Mihaela Armasu, Emanuela Bracali, Luigi Calabrese, Serena Ciacci, Nicole Fiore, Camilla Francesca, Mattia Grimaldi, Lisa Melosi.

Liceo scientifico Duca D'Aosta -Docente Caterina Marini. Studenti: Margherita Baiocchi, Luca Meucci, Chiara Perselli, Sofia Corrente, Marta Caponetto, Giulia Michelucci, Francesca Chiti, Jacopo Giaconi.




Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in L'Evento


prenota spazio


giovedì, 18 aprile 2019, 00:14

Cos’è WikiRail? E’ una sorta di Wikipedia, ma tutto concentrato sulla ferrovia

E’ stato presentato l’accordo DITECFER - CIFI - WiKiRail con DITECFER, CIFI E Regione Toscana con i rispettivi rappresentanti: l’Assessore della Regione Toscana ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli, il presidente Ditecfer Daniele Matteini, il Segretario Generale del CIFI, ing. Donato Carillo


giovedì, 11 aprile 2019, 13:11

Visite al Palazzo Comunale: domenica nuovo appuntamento

L'iniziativa, prevista a partire dalle 16, fa parte del calendario "Il museo e la città" . Alla scoperta delle sale monumentali, Museo Civico e i luoghi solitamente inaccessibili al pubblico come la scala a chiocciola. La visita è su prenotazione


prenota spazio


lunedì, 8 aprile 2019, 15:10

Record assoluto di presenze per la '30^ mostra antiche camelie della Lucchesia': 10 mila i visitatori

La '30^ Mostra Antiche Camelie della Lucchesia' conclusasi ieri ha fatto registrare il record assoluto di presenze dalla sua istituzione. E' risultata quindi vincente la formula dei fine settimana a tema che ha sicuramente contribuito ad attrarre un maggior numero di visitatori nel Borgo delle Camelie


lunedì, 8 aprile 2019, 13:30

Pasqua piena di eventi a Forte dei Marmi

Il Forte, come è affettuosamente chiamato, lungi dall'adagiarsi sugli allori della sola stagione estiva, propone ogni anno una lunga serie di eventi e manifestazioni sia durante la stagione natalizia che ai primi raggi del sole pasquale


prenota spazio


sabato, 6 aprile 2019, 21:16

Open day alla Casa di Gello

Porte aperte alla Casa di Gello domenica 7 aprile a partire dalle 15: per l'open day, organizzato in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull'autismo, ci saranno anche i vigili del fuoco con Pompieropoli


venerdì, 5 aprile 2019, 15:59

'30^ mostra antiche camelie della lucchesia': ultimo fine settimana dedicato al tema della musica

Sarà dedicato al tema della musica il quarto ed ultimo fine settimana della 'XXX Mostra Antiche Camelie della Lucchesia' in programma nel Borgo delle Camelie, a S.Andrea e Pieve di Compito, sabato 6 e domenica 7 aprile dalle ore 10 alle ore 18


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2