prenota spazio

prenota spazio
prenota spazio

Anno 1°

sabato, 21 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

prenota spazio

Politica

Confcommercio: “Tari sempre più cara per le imprese pistoiesi”

giovedì, 12 settembre 2019, 11:48

Torna in prima linea il tema della Tari, la tariffa per lo smaltimento dei rifiuti che si conferma una delle imposte più gravose per le imprese pistoiesi.

L’indagine di Confcommercio Imprese per l’Italia – attraverso l’Osservatorio Tasse Locali, lo strumento permanente dedicato alla raccolta e all’analisi di dati e informazioni sull’intero territorio relative alla tassa rifiuti (TARI) pagata dalle imprese del terziario – conferma la continua crescita su tutto il territorio nazionale della tassa, nonostante una significativa riduzione nella produzione dei rifiuti stessi, e ripropone evidenti divari di costo nello stesso territorio tra le medesime categorie economiche a parità di condizioni.

Un’immagine questa che si ripropone attuale a Pistoia e nelle aree della Piana e della Montagna – secondo la ricerca svolta da Confcommercio Pistoia e Prato – dove la maggior parte dei Comuni ha introdotto aumenti alla tariffa per il 2019.

La situazione più preoccupante è proprio quella del comune capoluogo, dove si stima un aumento sulla Tari pro capite fino al 30% rispetto al 2018 per le utenze non domestiche. Fra queste a pagare da sempre  il prezzo più alto sono ristoranti, bar, pizzerie ma anche ortofrutta, pescherie, fiori e piante, edicole, tabaccherie: per loro gli aumenti nell’ultimo anno sono superiori al 15% con costi insostenibili per le piccole e medie imprese.

Se da una parte le agevolazioni introdotte – fortemente volute in passato da Confcommercio – riescono ad alleggerire la tariffa, dall’altro richiedono un impegno notevole da parte degli operatori che per ottenerle devono operarsi in contesti non sempre semplici (come accade per la raccolta del vetro nel centro storico).

A questo si somma il livello di qualità del servizio offerto che secondo OpenCivitas – sito promosso dal Dipartimento delle Finanze e dalla SOSE per determinare i fabbisogni standard delle amministrazioni locali – posiziona Pistoia nel 2018 sotto la sufficienza (con punteggio 4), nella media regionale.

Cresce la Tari anche a Serravalle Pistoiese – per le categorie menzionate oltre al 5% rispetto al 2018 – dove il costo del servizio si conferma fra i più cari della provincia. Ciò che colpisce ancora di più è la differenza della tariffa pagata da un ristorante – 22,50 euro al metro quadro – rispetto a quello a cui è soggetta la stessa attività di Quarrata – 17,41 euro al metro quadro – nonostante la loro vicinanza.

Lo stesso accade in Montagna dove si sono verificati aumenti sia per le imprese di Abetone che per quelle di Cutigliano che, pur essendo sotto un’unica Amministrazione Comunale, si trovano ancora a pagare tariffe diverse.

La situazione si ripete identica per San Marcello Piteglio: nell’ex territorio comunale di Piteglio – l’area con i costi più alti della montagna – un bar paga 12,11 euro per rifiuti prodotti al metro quadro, contro i 7,86 euro di chi ha la stessa attività nell’ex territorio comunale di San Marcello.

Si tratta di esempi che rimandano a un quadro travagliato e poco omogeneo che continua a penalizzare le attività economiche e che frena il loro sviluppo.

Per Confcommercio la fotografia rimandata dall’indagine locale è preoccupante, ancora di più se si considera che dal 1 gennaio dello scorso anno Comuni avrebbero dovuto avvalersi delle risultanze dei fabbisogni standard nella determinazione dei costi relativi al servizio di smaltimento dei rifiuti.

Servono risposte urgenti per avviare una profonda revisione dell’intero sistema che rispetti il principio europeo ‘chi inquina paga’ e tenga conto delle specificità di determinate attività economiche delle imprese del terziario, al fine di prevedere esenzioni o agevolazioni per le aree che di fatto non producono alcun rifiuto e sulle quali invece continua ad essere calcolata integralmente la tassa.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


Altri articoli in Politica


prenota spazio


giovedì, 19 settembre 2019, 19:37

Estensione rete idrica a Badia a Picciana, incontro della Lega con il sindaco

Martedì 17 settembre, si è tenuto, presso il circolo di Badia a Pacciana, un incontro con i cittadini della zona, organizzato dai consiglieri del gruppo Lega Gabriele Gori e Francesco Mazzeo a cui hanno partecipato il sindaco Alessandro Tomasi e gli assessori Bartolomei, Capecchi e Semplici


giovedì, 19 settembre 2019, 11:21

Diolaiuti: "Nessun ritardo a Pieve a Nievole, l'opposizione si attacca a irregolarità inesistenti"

E' sconsolato il sindaco di Pieve a Nievole Gilda Diolaiuti, che è anche presidente del consiglio comunale, per questa uscita dei consiglieri Cialdi e Lupori, che lamentano la mancata consegna di documenti in tempo utile per il consiglio comunale


prenota spazio


giovedì, 19 settembre 2019, 10:53

Bardelli (FdI): "No alle polemiche dettate da disonestà intellettuale"

Così la consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Elena Bardelli, in una nota rilasciata a mezzo stampa


venerdì, 13 settembre 2019, 11:39

FdI riunisce gli eletti a Pistoia

Francesco Torselli, coordinatore regionale di Fratelli d'Italia, assieme al senatore pistoiese Patrizio La Pietra, ha organizzato per la giornata di domani, con inizio alle 9.30 presso il Toscana Fair di Pistoia


prenota spazio


lunedì, 9 settembre 2019, 10:55

Lunardi: "Il comune non ha ignorato il cippo di Silvano Fedi"

Il sindaco di Serravalle Piero Lunardi interviene in merito alla polemica sollevata dal Circolo di Rifondazione Comunista in occasione della commemorazione della festa della liberazione


lunedì, 9 settembre 2019, 08:50

FdI Serravalle: "Patologie rare, tutelare salute dei cittadini"

Il gruppo Fratelli d’Italia di Serravalle Pistoiese interviene in merito alla segnalazione dell'elevata frequenza di malattie rare nel comune partita dai medici di base


prenota spazio


Ricerca nel sito


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio2


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio


prenota spazio